SKIPASS - Sofia Goggia è l'Atleta dell'Anno FISI -

Sofia Goggia è l’Atleta dell’Anno FISI

Emilia-Romagna e Toscana grandi protagonisti a Skipass
31 ottobre 2018
Skipass Snowpark Awards 2018: annunciati i vincitori
2 novembre 2018

Come ogni anno Skipass incorona l’Atleta dell’Anno e ad essere premiata ancora una volta è Sofia Goggia. La 25enne bergamasca, già eletta nell’edizione 2017, è stata scelta dai tifosi e appassionati che l’hanno di nuovo incoronata numero uno degli sport invernali italiani.

Il risultato è frutto di una stagione straordinaria, coronata dall’oro olimpico in discesa conquistato a PyeongChang. Un trionfo storico, che prima di lei nessuna atleta italiana era stata in grado di ottenere. Sofia l’ha abbinato a tre vittorie (due in discesa, a Bad Kleinkirchheim e a Cortina, e una nel supergigante finale di Are) e nove podi complessivi in Coppa del mondo che l’hanno portata al quarto posto nella classifica generale, nonché alla conquista della Coppa del mondo di discesa davanti al suo idolo Lindsey Vonn.

“Ricevere questo riconoscimento per il secondo anno di fila è un fatto che mi inorgoglisce tantissimo – ha dichiarato Sofia -. Purtroppo quest’anno devo rimanere con il freno a mano tirato, però nel corso della mia carriera ho dimostrato di sapere uscire da situazioni anche più gravi. Si tratta solo di avere la pazienza di guarire rispettando bene i tempi di recupero, spero di poterlo fare per l’evento più importante della stagione, i Mondiali di Are”.

Una stagione straordinaria che ha permesso alla Goggia anche di conquistare il premio Cristallo d’Oro.

Goggia si aggiunge così ai campioni che in passato hanno ottenuto il riconoscimento in più occasioni: prima di lei ci erano riusciti Maurilio De Zolt (1985 e 1987), Alberto Tomba (1988 e 1995), Kristian Ghedina (1990 e 2000), Manuela Di Centa (1989, 1994 e 1996), Stefania Belmondo (1991, 1992, 1993 e 1999), Deborah Compagnoni (1997 e 1998), Gabriella Paruzzi (2002 e 2004) e infine Christof Innerhofer (2011 e 2013). In lizza per il prestigioso riconoscimento c’erano anche Federica Brignone, Michela Moioli, Federico Pellegrino e Dominik Windisch.